Carrello
Il tuo carrello è vuoto
Quantità:
Totale parziale
Imposte
Spedizione
Totale
Si è verificato un errore con PayPalClicca qui per riprovare
FesteggiaGrazie per l’acquisto!A breve dovresti ricevere una conferma dell’ordine da parte di PayPal.Chiudi il carrello

Le informazioni che cerchi a portata di click!

Blog

visualizza:  completo / riassunto

BONUS SOCIALE LUCE E GAS

Pubblicato il 01 novembre 2020 alle 02.25 Comments commenti (115116)

Che cos'è il Bonus Bolletta?

Le famiglie numerose; quelle che vivono in situazioni economiche disagiate; quelle che hanno componenti con disabilità o malattie gravi, hanno diritto ad un bonus sociale che è uno sconto sui pagamenti delle bollette di Luce, Gas e Acqua.

Trattasi di cifre predeterminate per condizioni particolarmente sfavorevoli di una famiglia che ha un ISEE, ovvero l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente, che non supera gli 8.265 euro annui oppure una famiglia numerosa (almeno quattro figli a carico) con un ISEE familiare inferiore a 20.000 euro.

Che valore ha lo sconto in bolletta?

Il suo valore varia a seconda del tipo di utenza:

Luce: varia dai 125  sino a 173 euro annui per nucleo familiare a seconda delle dimensioni di quest'ultime (1-2 o più persone).

Gas: varia dai 32 ai 183 euro annui a seconda della località di fornitura.

Acqua: può coprire anche un terzo della spesa media annua.

Come si ottiene?

Sino ad oggi bisogna fare richiesta al SII (Sistema Informatico Integrato) attraverso il proprio fornitore di Luce, Gas o Acqua tramite modulistica reperibile dai CAF ma a decorrere dal 1° gennaio 2021, sarà effettuato un riconoscimento automatico dei beneficiari grazie ad uno scambio dei dati tra ISEE e SII che raccolgono tutte le informazioni sulle utenze attive.

Maggiori dettagli sono riportati sul sito dell'ARERA.

PUN Settembre 2020

Pubblicato il 10 ottobre 2020 alle 02.50 Comments commenti (8633)

Sarà l’ultima impennata del 2020?

Sicuramente questo è stato un anno anomalo e devastato da eventi non prevedibili ed incontrollabili. Di certo il mercato generale non può prescindere da questi eventi. Il mese di settembre ha trascinato il PUN medio a €/MWh 48,80 segnando un + 21% sul mese precedente ma un – 4,6% su settembre 2019. Come previsto nell’articolo dello scorso mese, l’aria estiva ci ha liberato dai timori di questa pandemia riportando speranza e spingendo tutti i settori merceologici ad un moderato rialzo ma l’estate è finita e torna il motivato pessimismo in tutto il mondo nel considerare lo spettro di un nuovo lock down.

Ed ecco ottobre che, nei suoi primi 10 giorni, riporta il PUN medio a circa €/MWh 38,5 (ben 10 euro in meno rispetto a settembre) riportando al ribasso le tariffe indicizzate del Mercato Libero. Ma anche questo lo avevamo già previsto. Al contrario, in modo inconcepibile, il Mercato Tutelato rialza le tariffe dell’energia del 15% per l’ultimo trimestre ottobre/dicembre 2020. Probabilmente la fine di questo mercato per le PMI (Piccole e Medie Imprese), per ora stabilita al 31.12.2020, avrà dettato motivazioni diverse dall’andamento dei mercati. Per chi vuole approfondire può seguire l’articolo direttamente dal sito delle PMI cliccando o copiando il link seguente:

https://www.pmi.it/economia/mercati/342769/bollette-luce-mercato-libero-piu-conveniente-del-tutelato.html#:~:text=Le%20nuove%20tariffe%20del%20Servizio,offerte%20bloccate%20a%2012%20mesi.

Sicuramente regna l’incertezza e questo certifica il consiglio di continuare a puntare sul Mercato Libero e sulle opportunità di risparmio che offre. Ma attenti alle insidie. Come pubblicato sulle ns pagine Facebook Energia Sempre Pulita e Lagheenergy, ci sono delle denunce in atto da parte dell’Autorità Garante a carico di Società Primarie del settore energetico per mancata trasparenza nelle CTE (Condizioni Tecniche Economiche) fatte sottoscrivere ai Sig. Utenti. A breve, nella sezione Notizie, ci sarà un approfondimento sugli sviluppi di questo caso.

Siamo sempre a disposizione per consigliarVi in modo trasparente e professionale la migliore soluzione contrattuale.


 

la fine preannunciata del Mercato Tutelato

Pubblicato il 04 ottobre 2020 alle 05.35 Comments commenti (4204)

Verso la fine del “mercato tutelato” Luce e Gas.

Ma che cos’è? Questo mercato, che ancora oggi regola le bollette di circa il 60% dei consumatori di Luce e Gas, viene regolamentato dall’Autorità di Stato “ARERA” la quale stabilisce i prezzi da applicare trimestralmente in funzione dell’andamento del mercato energetico.

Cosa succede ora? A partire dal 01.01.2021 tutti i contratti delle Piccole e Medie Imprese (PMI) in “maggior tutela” cesseranno di esistere mentre per le famiglie la data è stabilita al 01.01.2022. Tutti i possessori di questi contratti dovranno trovarsi un fornitore presente nel “Mercato Libero”.

E se non trovo un Fornitore entro la data di cessazione? Diciamo subito che l’energia continuerà ad essere erogata senza interruzioni. I Consumatori che non avranno ancora stipulato un nuovo contratto di fornitura nel “mercato libero” verranno traslati in “Salvaguardia”. Questo settore è presente da tempo ed è nato per accogliere tutti i clienti sprovvisti di contratto di fornitura o ceduti da Fornitori non più in grado di servirli. I prezzi dell’energia sono gestiti da unico fornitore, di solito assegnato a livello regionale, che si aggiudica la gara d’appalto indetta dall’ARERA e applicano dei prezzi di mercato con delle maggiorazioni consentite contrattualmente.

Cosa mi conviene fare? Poter scegliere è sempre un vantaggio. L’importante è scegliere bene!

Il Mercato Libero rappresenta una opportunità per poter scegliere varie formule contrattuali che, per volere dell’ARERA a tutela del Consumatore, devono contenere un prezzo fisso per un determinato periodo di tempo (di solito un anno) o un prezzo indicizzato che varia mensilmente a secondo dell’andamento del mercato determinato dal PUN (Prezzo Unico Nazionale) e gestito dal GME (Gestore Mercato Energetico).

Qui nasce il nostro apporto. Grazie alla nostra conoscenza del mercato energetico e con la nostra professionalità, analizziamo gratuitamente i Vostri consumi nelle fasce orarie attraverso le bollette che ci fornirete e suggeriamo le migliori condizioni per un sicuro risparmio proponendovi contratti con Società qualificate e assolutamente Green (vendita di energia prodotta solo da fonti rinnovabili). 

In modo del tutto trasparente, controlleremo sempre l’andamento delle Vs bollette per avere la certezza che vengano applicate le giuste condizioni contrattuali stabilite. Saremo sempre in grado di darvi tutte le delucidazioni e consigli necessari per un futuro sereno e sempre più Green nel rispetto della Natura


 

PUN AGOSTO 2020

Pubblicato il 16 settembre 2020 alle 06.00 Comments commenti (5514)

L'Estate continua nel nostro Bel Paese insieme al flusso dei turisti che resta l'attività predominante del nostro mercato economico estivo. Le attività ricettive turistiche e il caldo pressoché costante hanno fatto lievitare la domanda energetica nel periodo Luglio/Agosto con relativo ribalzo verso l'alto dei costi sul PUN medio a 40,32 €/MWh (- 9,22 €/MWh rispetto ad agosto 2019). L'aumento ha sicuramente una parte speculativa data l'abbondante produzione rilevata nello stesso periodo superiore anche al 2019 e alla domanda stessa. Il mese in corso di settembre è in crescita per un effetto trainante ottimistico del PIL interno Nazionale. 

Il futuro incerto è fortemente legato all'evoluzione dell'epidemia COVID19 e al risultato delle attività legate all'ECOBONUS 110% che potranno rappresentare la chiave di svolta. Un ritorno al lockdown, seppur parziale, o la quasi libera circolazione di persone e merci determinerà l'andamento del mercato energetico. Ad ogni  modo, io punterei ancora sul mercato indicizzato del PUN in quanto, almeno sino a dicembre 2020, difficilmente potrà superare il costo attualmente legato ai contratti a prezzo fisso e bloccato per 12 o più mesi. Di controbalzo, l'attività trainante del risparmio energetico e l'autoproduzione con fotovoltaico, porterebbe ad una riduzione della domanda energetica sul mercato all'ingrosso con la logica conseguenza della diminuzione del costo della materia.

Nella rivelazione del PUN nel mese di ottobre potremo essere più precisi sul futuro energetico che ci attende

RP


PUN Maggio 2020

Pubblicato il 18 giugno 2020 alle 04.40 Comments commenti (14125)

Il GME ufficializza il costo più basso dell'energia elettrica nel Mercato all'Ingrosso. Ben 2,89 cent/KW in meno rispetto al maggio 2019. Le fatture relative ai consumi di maggio saranno più del 50% più basse rispetto all'anno precedente relativamente al Costo della Materia Energia. In questa prima quindicina del mese di giugno, stiamo assistendo ad un timido rialzo del PUN relativo ad una risalita, seppur modesta, della domanda. Cosa potrà riservarci il mercato nel futuro prossimo? E' quasi certo supporre che non ci saranno eccessivi rimbalzi al rialzo nel settore energetico a causa di vari fattori. Vero è che la Domanda dovrà risalire con la ripresa, si spera presto, dell'economia ma è altrettanto vero che le incertezze del mercato petrolifero, la volontà sempre più pressante e giustificata di Decarbonizzare il settore, la crescente ed incentivata domanda di impianti fotovoltaici, porterà equilibrio in un mercato che ha subito delle forbici di oscillazioni importanti spesso giustificate solo da speculazioni.

Riteniamo sia ancora conveniente mantenere un profilo indicizzato nella scelta delle tariffe "Luce" salvo offerte di fornitori a 5 o meno cent/KW con prezzo bloccato per 12 mesi e con costi commerciali consigliati e applicati da ARERA in regime di Maggior Tutela.

Presto notizie importanti nel settore energetico del gas. Continuate a leggerci!


   


Rss_feed